Corso Gratis

Chi certifica la dislessia? Rivolgiti sempre a un professionista abilitato

Oct 30, 2017

Se hai notato che tuo figlio fa enorme “fatica” a leggere o scrivere e, per questo, sospetti che sia dislessico, allora puoi rivolgerti ad un esperto che certifica la dislessia, confermando o meno questo sospetto.

 

Quali sono i professionisti a cui puoi rivolgerti?

 

La figura professionale che solitamente compie la valutazione è quella del neuropsichiatra, consultabile sia privatamente che con il Servizio Sanitario Nazionale.

L’unica accortezza alla quale ti consiglio di porre attenzione è quella di rivolgerti solo a professionisti  che abbiano ottenuto l’abilitazione per fare questo genere di certificazione, in particolar modo cercando uno psicologo / neuropsichiatra infantile specializzato sui DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento).

La diagnosi viene condotta attraverso test standardizzati, ecco le 3 fasi del processo di diagnosi nello specifico.

  1. Anamnesi.

È la storia personale del bambino, che lo specialista ricostruisce per avere una visione d’insieme sulle situazioni che tuo figlio affronta ogni giorno sia a scuola che a casa.

  1. Valutazione.

In questa fase tuo figlio dovrà fare dei test. Ora più che mai è molto importante il tuo ruolo di genitore, per aiutarlo a gestire eventuali ansie e paure.

Spiega a tuo figlio il perché di quella visita, presentandola come una soluzione che hai trovato appositamente per aiutarlo.

Poi cerca di spiegargli nel dettaglio che cosa accadrà (es. domandera╠Ç alcune cose della scuola, ti chiedera╠Ç di leggere, scrivere, copiare delle figure, ecc.), specificando che non si tratta di un esame, che non c’e╠Ç un voto ne╠ü un giudizio.

Questo perché i risultati dei test condotti potrebbero essere falsati dallo stato emotivo del tuo bambino ed è fondamentale che questo non accada.

Il medico in questa fase valuterà:

  • Il livello cognitivo generale;
  • Le abilita╠Ç scolastiche strumentali (lettura, scrittura, calcolo);
  • Il linguaggio;
  • L’attenzione e la memoria.
  1. Colloquio conclusivo e relazione scritta.

Al termine della valutazione incontrerai il Neuropsichiatra che ti comunicherà la diagnosi e ti rilascera╠Ç una relazione scritta con tutti i risultati dei test e la propria analisi, con inclusa la diagnosi.

 

Se il risultato è positivo, come puoi dirlo a tuo figlio?

 

Molti genitori sottovalutano la forza dei bambini, per i quali avere una diagnosi di dislessia rappresenta, nell’80% dei casi, un vero e proprio sollievo.

Questo perché possono dare finalmente un nome alle difficoltà che sanno di avere, poiché le riscontrano quotidianamente, e delle quali incolpano se stessi.

Visto che si tratta comunque di un sentimento che cambia ogni volta in base alla situazione e alla sensibilità, spiega a tuo figlio, nel modo piu╠Ç semplice possibile, quello che ti hanno detto, rispondendo in modo chiaro alle sue domande e cercando di evidenziare gli aspetti positivi.

Non preoccuparti se ti senti nervosa o agitata, aspetta un momento di tranquillita╠Ç per affrontare il discorso più serenamente.

Se alla fine ti verrà confermata la dislessia di tuo figlio, informati su cosa sia prima di farti idee che non corrispondono alla realtà dei fatti.

Spesso i genitori affrontano questa situazione con molta paura per il futuro dei propri figli: ti assicuro però che questo è un modo assolutamente sbagliato di vivere la dislessia…

...Te lo dice una dislessica! 

Io per prima ho sperimentato su di me gli effetti negativi dei pregiudizi sulla dislessia. Gli insegnanti mi trattavano da stupida, i compagni mi prendevano in giro e in molte situazioni preferivo chiudermi in me stessa per la paura di subire attacchi e critiche.

Ero arrivata ad un punto in cui le mie scelte nello studio e nella vita privata erano condizionate dalla paura di quello che gli altri avrebbero pensato di me.

Alla fine ho creato il metodo di studio specifico per dislessici che ho utilizzato in prima persona e che mi ha cambiato del tutto la vita.

Ho scoperto che la Dislessia è un vero e proprio Dono, che permette a me come a tutti gli altri dislessici che utilizzano il mio metodo DysWay di comprendere le proprie potenzialità e risolvere le difficoltà in modo definitivo.

Se vuoi dissipare tutti i dubbi sulla possibilità che tuo figlio sia dislessico, a questo link puoi leggere un articolo che parla proprio dei sintomi più comuni che manifestano i bambini dislessici.