ragazzo pigro che dorme sui libri

Dislessia o pigrizia? La mentalità di un pigro è più produttiva!

Stenterai a crederlo ma ti assicuro che pigrizia ed efficacia sono due facce della stessa medaglia.

Essere produttivi, lavorare efficacemente, raggiungere i propri obiettivi, non significa necessariamente lavorare duro, ma piuttosto lavorare in modo intelligente.
Potresti lavorare 16 ore al giorno, saltare la pausa pranzo, dormire poco e continuare a non raggiungere gli obiettivi desiderati. La quantità di lavoro non è una condizione sufficiente per l’ottenimento dei risultati.

Per aumentare la tua produttività dovresti iniziare a pensare come un pigro. Ecco 6 buoni motivi per i quali la mentalità di un pigro può renderti più produttivo.

  • Un pigro è furbo.

Per quanto tu possa sforzarti, non riuscirai mai a far lavorare un pigro più del dovuto. Un pigro ricerca costantemente il modo per non lavorare più di quanto strettamente necessario. Adottare la mentalità di un pigro per completare la tua “to do list”, significa raggiungere i tuoi traguardi con lo sforzo minore.

  • Un pigro è efficace.

Un pigro cerca sempre di ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo: come un gatto, un pigro concentra le energie necessarie per raggiungere il suo obiettivo in un lasso di tempo ristretto e poi torna ad oziare al sole.

  • Un pigro sa definire le priorità.

Se un pigro è costretto a completare 100 attività, inizierà sempre dalle 3 che gli possono garantire l’outcome maggiore. Un pigro non spreca tempo con le attività di scarso rilievo: se costringete un pigro a lavorare andrà subito al sodo, impegnandosi sulle attività di maggiore impatto.

  • Un pigro conosce il valore del tempo.

Non c’è cosa che infastidisce di più un pigro di chi approfitta del suo tempo; per questo motivo un pigro è un artista delle tecniche di gestione del tempo. Per un pigro ogni minuto di lavoro è unico e prezioso, ma soprattutto, ogni minuto di lavoro è un minuto rubato all’ozio.

  • Un pigro sceglie sempre il sentiero più breve.

Di fronte all’inevitabile, un pigro sceglie sempre il sentiero più breve: un pigro non procrastina i propri doveri, perché sa che procrastinare i propri doveri significa procrastinare gli adorati momenti di piacere.

  • Un pigro conosce e sfrutta la leva.

Archimede è il santo protettore dei pigri. Date ad un pigro una leva e solleverà il mondo… comodamente seduto sulla poltrona di casa. Che si tratti di sfruttare il potere della delega o di utilizzare la leva finanziaria, un pigro troverà sempre il modo per ottenere i risultati desiderati con il minimo impegno possibile… il suo naturalmente.

Se consideri la “pigrizia” da questo punto di vista allora la vedrai come un punto di forza e, solo a quel punto, potrai dire ad un dislessico che è pigro! Infatti considerando che i dislessici hanno una capacità visiva ed una capacità di vedere le cose da un’altra prospettiva che sono fuori dal comune, troveranno e prediligeranno sempre le strade più “semplici” rispetto a quelle tortuose e complesse che troveranno gli altri!

Purtroppo la pigrizia è spesso associata a disorganizzazione e mancanza di responsabilità e qualche volta può accadere… ma se invece si direziona il dislessico ad utilizzare la pigrizia a suo vantaggio, sarà facile per lui trovare strade semplici per compiti difficili!

“Assumerei una persona pigra per fare un lavoro molto difficile, troverebbe sicuramente il modo più semplice per farlo”

Bill Gates – Microsoft Founder